Mentoring si / mentoring no

Do. Or do not. There is no try.

Penso di aver sempre sognato di trovare un mentore come Yoda che mi dicesse esattamente chiaro e tondo quello che dovevo fare. Per un traduttore al suo primo anno di vita, avere un mentore è un sogno che si avvera, un faro nel buio assoluto.

Ma come si trova un mentore?

La risposta è molto semplice: non si trova! Capita e basta.
Ok, su Proz, se andate a vedere, esiste effettivamente un programma di mentoring che permette a traduttori alle prime armi di contattare traduttori più esperti, ma mi è sempre sembrata una tecnica un po’ macchinosa per trovare un mentore.

Il fatto è che, secondo me, non ci si dovrebbe alzare la mattina con l’obiettivo “ora vado a caccia di mentori”, ma non bisogna neanche aspettarsi che un mentore ti si presenti davanti casa. La parola chiave qui è NETWORKING:

  • prima di trovare il mentore giusto, dovrete per lo meno iniziare a conoscere dei traduttori e a costruire la vostra rete (vedi Da dove iniziare?);
  • a quel punto, tra tutti i traduttori ne salterà pure fuori uno con cui vi trovate particolarmente a vostro agio, no? Con cui avete un’affinità particolare, diciamo;
  • non nascondete i vostri dubbi e non vergognatevi mai se avete bisogno dell’aiuto e dei consigli di un traduttore più esperto;
  • spetterà poi a lui o lei ufficializzare la cosa definendosi mentore.

Alla fine però, è davvero necessario definirsi mentore&mentee per dare vita a una relazione favorevole per entrambi? Tutti i traduttori più esperti disposti a rispondere alle vostre domande e a guidarvi / aiutarvi possono essere considerati mentori. Voi che ne dite?

Cosa potete aspettarvi da una relazione mentor-mentee?

Non aspettatevi di aver trovato la soluzione a tutti i vostri problemi, una scusa per poter lavorare meno (è esattamente l’opposto) e soprattutto non aspettatevi che il vostro mentore sia sempre lì a vostra completa disposizione. Un mentore è un maestro da cui dovrete imparare il più possibile, quando si presenterà l’occasione. Se sarete fortunati magari sarà proprio lui/lei a passarvi i primi lavori e a mostrarvi come porre rimedio ai vostri errori e colmare le vostre mancanze. Un mentore però non vi svelerà certo i grandi segreti della traduzione e non potrà mai dirvi semplicemente: “Sì, guarda, la porta per il successo è lì in fondo a sinistra“. Se non sarete voi per primi a esporre le vostre perplessità, il mentore non potrà certo guidarvi nella giusta direzione, poiché ciò che per il mentee potrà sembrare un enigma indissolubile per il mentor è ormai una quotidianità assolutamente priva di mistero.

Perché diventare mentore fa paura?

Conosco tanti traduttori alle prime armi e altrettanti traduttori esperti, ma nessuno di loro mi ha mai confidato di essere mentore o mentee di un altro traduttore. Non credo proprio sia per via della mancanza di volontà da parte dei traduttori agli inizi, anzi! Ma allora, cos’hanno i traduttori esperti contro il mentoring? In questi mesi mi sono fatta qualche idea:

  • fare il mentore è un lavoro che richiede molto tempo (eppure dà anche tanta soddisfazione);
  • non vi è alcun ritorno economico (eppure, se ci pensate, può liberarvi dei lavoretti meno redditizi e permettervi di focalizzarvi su pesci più grossi);
  • aiutando un altro traduttore ad avviare la sua carriera si alimenta la concorrenza (MA WE ARE NOT THE ENEMY HERE!!).

Al contempo avendo un mentee

  • si elimina dal mercato un traduttore da 3 cent a parola e ogni tipo di concorrenza sleale e ingiusta;
  • si contribuisce in generale alla lotta contro l’abbassamento delle tariffe;
  • si tiene alto lo standard qualitativo delle traduzioni;
  • si dà al traduttore e alla sua professione la dignità che gli spetta.

Il mio appello è a tutti i traduttori già affermati: dateci la formazione di cui abbiamo bisogno e potrete essere fieri del futuro che costruiremo insieme.

What I am working on today
Oggi in realtà mi sto preparando per la partenza. Non per una vacanza, purtroppo, anche se sempre di un’avventura si tratta xD Sarò via per due settimane in alta montagna nelle Orobie Valtellinesi a gestire un campo di volontari stranieri provenienti da tutto il mondo. La mia ricerca di clienti intanto continua: ancora poche risposte, ma almeno qualcuno ha apprezzato la mia cover letter e CV.

Days left until doomsday 
6 mesi e 8 giorni

A presto,

Ilaria Corti
Traduttrice ed esperta linguistica
Inglese – Tedesco > Italiano
www.ilaria-corti.com